venerdì 17 dicembre 2010

Grinch for Xmas

Caro Babbo Natale, Dear Santa Claus,

Devo ammettere che nonostante non abbia ricevuto per me i regalini da qualche centinaio di euro che avevo chiesto lo scorso anno, ho constatato con i miei occhi che il regalo al mio vecchio e odiato ex capo e' arrivato a destinazione.

Despite I didn't get the expensive presents for myself last year, I have to admit that the request for my ex boss was delivered save and sound.

Anzi ti diro' di piu', forse ti sei fatto prendere troppo la mano e hai consegnato non una scatoletta della preziosa "merda artistica" ma a destinazione, nella ex lussuosa casa del mio ex potente boss sono arrivate quintalate di prodotto. Lui certo non ha gradito ma che importa, a Natale basta il pensiero.

Moreover, I know that you gave him more than I asked you: not one precious box of "sheet of artist" but tons of this product. Certainly when he received the special present in his ex posh house, he didn't appreciate it but I don't care, because in the Xmas time what is important is the thought.

Ma ora passiamo alle mie nuove richieste, so che c'e' crisi e che per arrotondare hai tenuto sulle ginocchia ragazzini obesi e mocciolosi nei grandi e affollati centri commerciali strabordanti di giochini elettronici fuori dalla portata del tuo sacco. Detto cio', come vedrai la mia lista di questo anno sara' composta da pochi oggetti non costosi ma che spero sortiranno lo stesso effetto dello scorso natale.

Now it is the time for my request. I am aware about the current financial downturn and I know you get a second job in lots of malls where you let fat and snotty nosed kids to sit on your laps. This was my preamble to assure you that in my list there are no expensive stuff but I hope that what I'm going to ask you will have the same outcome of last year.

Quest'anno non chiedero' nulla per me, tutto per i mie cari e adorati amici, infondo il natale non e' donare agli altri...

This year I don't want nothing for me, all my desires are addressed to my dear friends, at the end of the day Xmas means donating to others...

Ecco la mia lista:
There we go my list:

Questo sarebbe il regalo ideale per Miss E. , lei sogna da sempre capelli lisci come la seta, perche' non accontentarla quest'anno?

This one could be perfect for Miss E. She always dreams to have smooth hair as silk, why we don't please her?







Il verde starebbe cosi' bene alla mia cara amica C. e poi lei cosi' alla moda potrebbe finalmente vantare un abito davvero originale e magari chissa' lo spaccia anche per esclusivo.

Green could suit perfectly my dear friend C. She is so into fashion and with this dress she could have an outfit really original, and maybe she will say it is something made exclusive for her.








Questo e' un regalo molto significativo, e voglio che lo porti nella casa di G, infondo credo che si ritrovera' molto nell'animale che adorna il simpatico anello? oppure no ma insomma cosa importa....

This is a very significative present and I ask you to deliver it to G. I believe the animal on the ring reflects what he really is.



A Natale ogni regalo vale. E basta dire che sono cattiva, senno' poi ci credo e inizio a vantarmi della mia perfidia.

Clelia il Grinch

Well, for Xmas everything MUST BE ACCEPTED. The last thing: please stop saying I am a bad girl otherwise I start to believe it and brag about my wickedness.

Clelia as The Grinch


mercoledì 8 dicembre 2010

Fashion last minute

Mi ha sempre divertito osservare chi popola il regno dell'effimero occasionale. Sto parlando di uomini che indossano giacca e cravatta e di donne che vestono abiti sgargianti e all'ultima moda, solo ed esclusivamente per le grandi occasioni. Come dire: sono cattolico, vado in chiesa la domenica e mi pento dei mie peccati solo un giorno a settimana, gli altri giorni sono ateo. L'apparire e' un dovere irrinunciabile per i fashion addicted dell'ultima ora. Sono loro che a tutte le feste comandate e in certi selezionatissimi eventi non si fanno vedere se non hanno sulla pelle il vestito firmato, magari poi e' falso, ma cosa conta nessuno guarda l'etichetta. Se non fosse ormai fuori dai circuiti della moda, indosserebbero la cara e vecchia pelliccia tanto in voga negli anni 80, che dava il messaggio di essere elegant chic, o posizionerebbero l'orologio sul polsino. Peccato che certi status symbol sono stati abbattuti. L'apparente vuole brillare, ma non brilla di luce propria, prende in prestito ori e orpelli riconosciuti come brillanti da una societa' che oggi piu' di ieri si fonda sull'abito e dimentica il monaco. L'essenza si perde in dettagli inutili, collezionati in maniera maniacale che, per i devoti del fashion last minutes rappresntano l'eredita' sacra. Per gli apparenti sprovvisti di finanze adeguate ai bisogni di sfoggio occasionale, il loro vezzo par time diventa una tortura idiosincratica a volte intollerabile: si fa a gara per mostrare gli eccessi, ma gli eccessi costano e per averli e sfoggiarli c'e' chi mangia tutti i giorni insalata, illudendosi di poter avere qualcosa che lo connoti per cio' che non e' e forse non sara' mai. Gli apparenti tout court in genere mi fanno sorridere, dietro la loro immagine costruita si nasconde una aridita' mentale che sfiora la goffaggine, ma tra il loro culto giornaliero e gli "apparenti della domenica", lasciatemi dire che la seconda categoria e' quella piu' esilerante. La classe non si compra ne si baratta con oggetti inutili. Per tutto il resto ci sono gli outlet.

English Version

People obsessed for the ephemeral word has always amused me. I am talking about men who put on suit with tie and women who wear flashy and garish dresses only and exclusively for big events. This could be said as: I go to the mass every Sunday, I repent for my sins but the other days of the week I am atheist. Appearing is a must for last minutes fashion addicted. All mundane events and festivity occasions are chances to showing up themselves with fashionable dress, perhaps outfit is not original one but who cares, nobody knows. If fur was still in the fashion market, women would have a bunch of foxes on their shoulders,and men would put watch in their wrist, just to prove their fashion style. What a shame for them that all this status symbol are not "alive" anymore. Occasional fashion addicted wants to shine but they bask in appearance reflected glory, they borrow luxury frills recognized by society as symbols of elegance in order to be what they aren't now and won't be in the future. Essence is lost in useless details collected painstakingly by loyal supporters of fashion last minutes who consider all the knick-knacks as a treasure. For whom has financial difficulties to satisfy this randomly excessive ostentation is a real idiosyncratic torture that leads to a vain attempt to demonstrate to neighbours how cool they can be. Part time fashion obsession cost sacrifices, and who is not so rich to get the right look, is obliged to eat salad every day in order to achieve a posh outfit only for one party. Every Day Fashion addicted make me smile, because, most of the time, beyond their perfect images there's a scarcity of intellectual insight that is, in fact almost awkwardness. Between cult of appearing in every day existence and fashion only for Sunday, the last category is the most comic one. You can not buy elegance, for everything else you can go to the near outlet.

mercoledì 1 dicembre 2010

La notizia e' femminile - Far from the sex equality discrimination is the queen

Non e' solo questione di numeri, e' uno sbilanciamento che sottolinea come, nonostante gli sbandieramenti di piccole conquiste, siamo ancora lontani dal raggiungimento della meta. Sono 15 anni che il Global Media Monitor Project (GMMP), una ricerca sulla percentuale di giornaliste di inchiesta nel mondo, ci da gli stessi risultati: una esigua minoranza di donne si occupa delle hard news, ossia notizie di politica ed economia. Questi campi sono quasi completamente dominio dei giornalisti, le colleghe si occupano maggiormente di arte, cultura, attualita' e sport (escluso il cacio ovviamente). Questi sono i dati emersi dal GMMP, un quadro scevro da ogni possibile altra interpretazione se non il fatto acclamato che sottolinea una forte discriminazione di genere ponendo in evidenza come le news e le opinioni piu' "significative", in termini soprattutto di ascolto, sono quasi a completo appannaggio dei giornalisti, uomini.
Lasciatemi esprimere un giudizio sincero verso i colleghi uomini: alcuni di loro sembrano persone brillanti finche' non aprono bocca e parlano. Poche hanno l' opportunita' di trattare le notizie di politica ed economia, ma d'altro canto le giornaliste che si occupano di attualita' fanno emergere realta' rilevanti che dovrebbero essere trattate nei discorsi dei politici e degli economisti. Mi riferisco alle professioniste dei media che intervistano i terremotati, entrano nelle fabbriche dando voce agli scioperanti, e documentano la vita di chi tutti i giorni lotta contro un quotidiano faticoso. Bisognerebbe valorizzare di piu' questi report e soprattutto far si che le giornaliste esperte in politica ed economia abbiano gli stessi spazi dei colleghi. Infondo molte possiedono talento, grinta ed attributi, sfortunatamente solo metaforici.
Qui non si tratta solamente di pari opportunita', qui si sta parlando di dare lustro al mestiere. Guardando alla grammatica italiana, qualcuno obietterà: il mestiere e' nome comune di cosa maschile, io rispondo si e' vero ma la notizia e' un nome comune di cosa femminile. Sfortunatamente anche la discriminazione e è donna ed e' la regina di cio' che chiamiamo moderna societa'.

English Version


It's not only an imbalance situation, despite some achievements were obtained by women, it is a matter of fact: sex equality is still far from being reality. For 15 year the Global Media Monitoring Project ( GMMP), an academic organisation that conduct every a yearly research, has underlined the usual short percentage of women journalists involved in the field of investigative journalism. According to the research only a very few women have the opportunity to write or talk about hard news, or rather news regarding political and economical issues: the ones able to get a strong engagement from audience. GMMP shows how men journalists "dominate" those sectors, while the vast majority of women journalists cover soft news, such as entertainment, art, cultural, current affair and sport event (not football of course, football is still a men topic). This is the outcome highlighted from the research that monitored this matter around the world. There is only one explanation which can be summed up what I reported to you with one single world: gender discrimination. As a journalist, and woman, let me say something regards this matter: some of my men colleagues seem bright people until they open their mouths to speak up. If it is true that a narrow minority can investigate hard news, a substantial part of women journalists draw the attention of audience to significant aspects of what happen around us. They works on important aspect of current affair like: interviewing earthquake victims, striking people in factories and reporting every day life of people who are struggling to survive in the society. I believe that the value of their work should be increase and politic and economic field needs to take into serious consideration this kind of news. Furthermore, let destroy this stupid discrimination and, above all, let women have the same right of men to investigate hard news. In the rear, some women are much more capable to do that, they get talent and punch attitude, unfortunately they do not have the men physical "attributes" which are indispensable for getting the status of hard news journalist, at least in a very large part of the world and of course in Italy. Beyond the sex equality, my straight point is: with more talent women an less incapable men in the field of investigative journalism, the quality of the job can be much more improve. Looking at the Italian grammar, some italian could object: job is masculine, I replay: yes but news is feminine. Unfortunately, according to italian vocabulary, discrimination is also feminine, and it is the queen of what we call the modern society.

sabato 13 novembre 2010

Uno stato di Calma Apparente - The state of outward calm

Il sole riscalda la finestra della mia camera, non una nuvola ad ombrare il cielo, il profumo del caffe' che si espande tra le mura di casa mia. Fuori solo il fruscio di un vento lieve che scompiglia le fronde degli alberi. Uno stato di calma apparente. Il vento freddo del nord stacchera' anche le foglie piu' tenacemente attaccate ai rami, la pioggia impetuosa le trascinera' lontano, e i tuoni squarceranno il cielo limpido con lampi di luce accecanti. Aspettero' che la tempesta arrivi fino al mio porto. L'esperienza mi ha trasformato in un marinaio accorto, e come ogni buon marinaio ho imparato che per sopravvivere alle tempeste bisogna esserne parte integrante. Non ci sara' il tempo per le esitazioni, terro' stretto il timone, e guidero' la mia nave in un'altra oasi dove regnera' ancora lo stato di calma apparente. Se cio' non dovesse accadere, se non riuscissi a divenire parte della tempesta, sara' allora inevitabile la caduta. Ci vuole una certa maestria nel cadere, e spero di poter mettere in atto tutto cio' che ho acquisito in merito. In questa apparente quiete che preannuncia la tempesta, stringo tra le mani le poche cose certe che possiedo, e attendo che il cielo si oscuri e la calma diventi battaglia.

Foto: Roberto Raschella'. Copyright


English Translation



My room is getting heat by the sun coming from the window, there is no clouds in the sky and an aroma coffee is spreading all over my house. I can see outside only a wind rustle that lightly mess up foliage on trees. It is a state of outward calm. Sooner or later the cold northern wind will come and it is going to pull out all leaves including those so sticked out to branches. The wild storm will drag everything off and stroke of lightning will cut the sky. I am waiting for the arriving of such storm in my harbour. Experience made me into an expert sailor, and as a good sailor knows, in order to survive during a storm, it needs to be part of it. There will be no time for hesitations, I am ready to hold my rudder and I'll drive my boat in another oasis in which I will still find a state of outward calm. If this is not going to happen, if I can not be part of the storm, a downfall will be inevitable. During a tempest, it needs to have acquired a certain training to fall out without passing away, and I hope to put in practice all I learned from my past. In this state of outward calm that is foreshadowing storm I am keeping few sure things on my hands I am waiting to seeing the sky turning out darkish and calm changing into storm.

Pic by Roberto Rascella'. All right reserved

lunedì 25 ottobre 2010

Con il silenzio tu muori - With silence you die


Sono insofferente alla stupidità e rispondo con il silenzio. Nell'assenza ci può essere tutto quello che penso di te. Se non ti degno di una risposta, se non provochi in me neanche un minimo sentimento allora tu non esisti, non sei neanche un ombra e con te la partita del confronto non la inizio neanche: non ti reputo degno e non ti do potere di replica al mio silenzio, perchè il mio pregiudizio si è tramutato in giudizio e tu vali meno di zero. Non ti puoi appellare. Se io mi avvalgo della facoltà di non rispondere tu ne devi solo prendere atto. Già altre volte ho lasciato scivolare le parole degli idioti, quelle persone che sparano a zero senza sapere neanche di cosa parlano: i ciarlatani per capirsi. Tra le loro righe ho letto l'odio che provavano per me, ho visto le loro lacrime di pentimento, il loro ritrattare. Ed io ancora in silenzio. Il silenzio è d'oro e la migliore arma contro chi non sa di che parla: gli idioti appunto che a cadenza regolare incontro sulla mia strada. Dovrei avere compassione per loro ed invece li ignoro. E' passato il tempo delle grandi battaglie per farli cambiare: un asino è sempre un asino anche se crede di essere Varenne. Dalle mie labbra non esce neanche un suono, non una riga che possa alimentare il loro ego frustrato e vanesio. Con il silenzio io lascio morire le tue speranze di vendetta, le sole che danno senso alla tua inutile vita, con l'assenza io ti cancello, con l' indifferenza tu cadi nell'oblio.

Foto by Berna Vong
ps. La foto che vedi in alto e' coperta da copyright, Nessuno puo' appropriarsene senza la dovuta autorizzazione

English Version


I am restless to stupidity and I reply with silence. In my absence there can be everything I think of you. If you don't deserve an answer, if you are not able to produce any of my feelings, then it means you do not exist and so I don't begin a fair confrontation with you because I consider you not worthy of my attention. This happens when my prejudice turns to a final judgement and I judge you are equivalent of zero. You can not appeal to my decision. If I make use of the right of silence you have to take cognizance of it. Other times I have dropped all words told by idiots: people who often speak without having knowledge of what come out of their mouths. I am referring to charlatans. I read between the lines their hate addressed to me, I saw tears of penance and finally withdrawing. In the meantime I was still in silence. Silence is gold, is a great weapon against stupid person that unfortunately I meet frequently on my way. I should have pity on them but I tend to ignore this kind of people. The time when I thought I could change them is gone. A donkey is still a donkey even though he thinks he is Varenne. No sounds from my lips, not even a line that can feed their frustrated and vain egos. With silence I let your hopes of vendetta die, with absence I delate you, with unconcern you are completely forgotten.

Ps.The pic in the Italian post was taken by my friend Berna and it is covered by copyright. Nobody can take it without an explicit permission.

sabato 16 ottobre 2010

Chi di Corpo ferisce di corpo perisce - A Sex Machine is machine

C'e' chi studia: si prende una laurea, un master, fa la gavetta dura, quella sottopagata e frustrante per poi arrivare e vedere ancora che di strada da fare ce ne e'. C'e' invece chi ha capito che con il minimo sforzo si possono raggiungere i grandi risultati in tempi brevi. Io faccio parte della prima categoria, sono collocata nel gruppo di chi solo oggi, dopo aver sudato le classiche sette camicie riesce a vedere la flebile luce alla fine del tunnel. Tila Tequila, l'aitante ragazzetta scollacciata che vedete nella foto a sinistra, rientra a pieno titolo nell'ultima categoria citata. Miss Thien Thanh Thi Nguyen, ha capito fin dai suoi primi passi nel mondo dello show business che prima di tutto doveva cambiare nome e diventare Miss Tequila, e poi, con un perfetto tempismo ha acquisito il fatto che: il talento poteva aspettare, l'importante era mostrarsi in "quel certo modo". Da star di My Space con ancheggiamenti, decolte' che nulla lasciavano all'immaginazione, una posa sexy qua e una rivelazione hot la... et voila' la Tequila aveva gia' ubriacato tutto il pubblico, fino all'approdo ad un tv show tutto suo. La sua carriera e' stata un continuo mostrare il corpo, tette e culo sempre in bella vista: sono quelle che hanno spianato la strada. Ma la Tequila si sa, ha il suo doppio effetto: ti stordisce e poi la mattina dopo da i suoi effetti collaterali: un gran mal di testa. Tila Tequila ha "investito tutto" sul suo corpo e sugli ammiccamenti neanche tanto velati, e ora che e' all'apice del successo arriva il conto da pagare: un video hard con protagonista Miss Thien e il suo ex in camera da letto. Tequila ha detto no, il giudice a cui si era rivolta ha respinto la sua istanza. Lei usa il corpo per fare soldi, allora lo puo' fare anche il suo ex. Sicuramente una ingiustizia, ma questo fatto ha una morale che dovrebbe essere letta da tutte quelle aspiranti veline, letterine, letteronze e quant' altro: se usi il tuo corpo come una macchina da soldi, allora tutti lo vedono come tale.

English Version



Getting what you want it is not that easy. Someone got a degree, a master, and a hard training that most of the time is underpaid. This is frustrating if while you are trying, you get aweare that there's still lots to do in order to achieve your dreams. Someone else has understood that with a minimun efforts great outcomes could be reached in a very short time. Me personally I am included in the first category, a bunch of people who only after big sacrifices and determination can see today "a flebile light at the end of the tunnel". Tila Tequila, the provocative girl pictured above, belongs to the second category. Since her "first step" on shobiz Miss Thien Thanh Thi Nguyen changed her name with something more "attractive": she became Miss Tequila. She also acquired the fact that in her "new word" talent is not so important, instead what really matter is show herself "in a certain way". She started as a star in the famous social network My Space, where with her super sexy outfits, hot revelations and provocative attitudes, Miss Tequila made her audice completely "drunk". Thanks to her hot style she got the opportunity to have her own tv show. Her career was an escalation of showing her boobs and bottom, those were the "rights elements" that made her success. But, you know Tequila has also the side effects: after euphoria there 's a bad hungover. Miss Tequila has got her fortune through her body and sexy poses and now that she is "at the top" she needs to deal with the side effects of what she did to achieve her goal. Her ex boyfriend wants to put online and possible broadcast a video with him and Miss Thien Thanh Nguyen having sex. She said no and sued him, but the judge denied her request saying: " Frankly, she exposes her sexuality" so the bad ex boyfriend can do whatever he wants with the tape. The judge claimed : she made money with her body so others can do the same. Without doubt this is a big unfairness, but the moral of this story that must be gained by all sexy showgirls who show too much is: if you use your body like a sexy machine, everybody tend to see it as a machine.

venerdì 8 ottobre 2010

Venus Vs Mars

Che gli uomini e le donne fossero diversi mi sembra un assunto noto a tutti e scontato per molti. Leggete la lettera di Sheila, e poi la risposta di "quel gran genio" di John.

Caro John,

Spero tu possa aiutarmi. L'altro giorno, uscendo per andare a lavoro ho lasciato mio marito a casa a guardare la tv. A circa 1 km, la mia macchina si e' fermata e poi non e' piu' ripartita. Cosi' ho percorso a piedi la strada a ritroso per chiedere aiuto a mio marito. Quando sono rientrata, non potevo credere ai miei occhi, l'ho trovato a letto con la figlia dei nostri vicini. Ho 32 anni, mio marito ne ha 34 e la ragazza 19. Siamo sposati da 10 anni. Quando l'ho affrontato, lui ha ammesso di tradirmi con lei da sei mesi. Lui non vuole andare da un consulente matrimoniale. Sono disperata, e chiedo per questo un tuo aiuto , urgentemente.

Sinceramente, Sheila


Ecco la perla di saggezza di John

Cara Sheila

Il guasto di una macchina che si ferma dopo pochi chilometri, puo' essere causato da una avaria del motore. Inizia con il far controllare proprio il motore, e se la causa non e' il motore, fai fare un check alla linea del combustibile. Se e' quello il problema, fai controllare i tubi di aspirazione, i tubi di gomma sulla presa e fai poi controllare tutti "i fili base". Se nessuno di queste soluzioni va a buon fine, potrebbe essere la pompa stessa della benzina che causa una bassa pressione del carburante negli iniettori.

Spero questo ti possa aiutare

John

Clelia risponde a Jhon

Caro Jhon, hai letto bene la lettera di Sheila, lei e' stata tradita, il suo matrimonio sta "naufragando". Magari, dico magari, non ti e' venuto in mente che a lei della macchina non gliene frega un emerito fico secco. Ha visto suo marito a letto con un'altra, una piu' giovane e magari senza rughe e smagliature, e per di piu' nel loro "talamo" matrimoniale. Se non lo hai capito ancora Sheila chiedeva a te, si si proprio a te, un consiglio. Quando non si sa come rispondere si dovrebbe fare silenzio... il silenzio e' d'oro in certi casi.
John, permettimi di darti un consiglio: fai un piacere a te stesso e ai lettori del giornale, licenziati e vai a lavorare in una officina, dove senza alcun dubbio avrai piu' soddisfazioni e successo.

Cordiali Saluti

Clelia

Leggete l'etichetta : Satyricon Satira ...


English Version





















Clelia answers to John

Dear John,

Have you really red Sheila's letter? She was cheated , her marriage is wrecking. I think, perhaps, she doesn't care at all about car. She found her husband having sex with a younger woman, probably without wrinkles and stretc marks, and in their bed. If you haven't understand yet what Sheila asked you, yes John she asked you an advice about her marriage.
Generally, when you don't know the best answer, you must be in silence... silence, in this case is like gold. Dear John, take my advice now, for you and for your readers, QUIT with your job, and start a new career as a mechanic. You'll be more successful .

Best Regards

Clelia

Please read also the label : Satyricon

venerdì 1 ottobre 2010

Once upon a time not Now

Andare via, percorrere chilometri, vedere e vivere una citta' come Londra ha ridotto in briciole cio' che ero. Non sono piu' la stessa, anzi diciamo pure che non assomiglio neanche a lei, sono totalmente un'altra. Il concetto potra' sembrarti scontato, non lo e' affatto. Rientrata nella Citta' Eterna ho scoperto, con mia grande meraviglia, che nella vita delle persone che etichettavo come miei amici, non e' cambiato davvero nulla. Sempre lo stesso ufficio, le stesse scartoffie da smistare, lo stesso pub la sera dove si prende la stessa birra. Niente di nuovo sotto il sole? No. Non hanno viaggiato, non hanno visto, non hanno vissuto. Conducono ancora le loro vite mediocri, il loro massimo interesse e' ancora avere le scarpe abbinate alla borsa e i capelli in piega. Le loro esistenze scorrono con cadenza lenta e monotona, nulla turba le loro giornate, NULLA. I miei racconti, le mie strade piene di curve, i miei percorsi fatti da accellerate violente e le frenate brusche sono ascoltate con stupore e una ammirazione che sfiora la venerazione. Loro non sanno, non possono sapere quanto una rottura nel percorso stabilito possa far aprire nuovi orizzonti, non possono comprendere come un fallimento possa tramutarsi in una vittoria. schiacciante. Tutto e' nato 4 anni fa, in una citta' grigia che ha aperto la strada ad una giovane giornalista, che oggi puo' guardare con tenerezza al passato e ringraziare il gelido vento del nord che l'ha spazzato via.

Foto by Roberto Raschella' ( I miss you darling)

English Version

Going away, miles and miles away, seeing and living a city like London, changed me a lot. I am not the same, I am not resamble her indeed, I turned into another person. This simple thought could be a matter of fact, 4 years in the city, 4 years usually makes people different. Usually but this is not a rule. When I came back to Rome I discovered that some of whom I used to consider my friends are still, exactly the same. Same office, same job, same pub to meet the others, the same others, even the same drink. Nothing more? Any other news? Nothing at all, that's it. Their lives are still the same, as were frozen during this long time. They live what I define a "low level" life, their conversation are on how to match the colour of shoes with bags and what is the most fashionable hair cut. Nothing more? i am afraid not. Their existences slip by "slow rhythm" and routine is a must. Nothing breaks their days, neither a big nor a small, little insignificant change. NOTHING. They listened with a mix of astonishment and admiration my experiences made by strong decisions, achievements and failures. They don't know, they cannot know that a "rift" in the chosen path can open a brand new view of what you want. They cannot understand that sometimes a failures can turn on an overwhelming victory. Four years ago I was not the same and now I can remember what I used to be with a bit of tenderness, always thanking the northern icy wind.

Photo by Roberto Raschella'. Roby This is a message for you: I miss you so much.

sabato 11 settembre 2010

Le due Faccie di una stessa medaglia - One coin with double faces

La conoscenza e la memoria sono le due caratteristiche piu’ importanti del giornalismo. Ogni notizia che suscita sentimenti, smuove le coscienze addormentate dal torpore, che apre gli occhi verso realta’ sconosciute e’ un elemento che costituisce la storia. Che tu sia d’accordo o no, chi arriva all’attenzione generale: dagli addetti al lavoro al fruttivendolo sotto casa assume di per se un ruolo preminente e immortale


Tutti noi oggi sappiamo chi e’ Sakineh Mohammadi Ashtiani. La sua vicenda ha sconvolto il mondo. Una “piccola” donna coinvolta in una grande ingiustizia. Il suo nome sulle prime pagine dei maggiori quotidiani e il suo volto ricorre ormai quotidianamente nei maggiori tg di tutto il mondo. Tutti sanno. TUTTI. Non si possono omettere certi fatti. DEVONO ESSERE RACCONTATI, CAPITI ED ASSIMILATI, poiche solo cosi’ si puo’ avere uno specchio sulla realta’. Personalmente odio chi raccoglie notizie, le diffonde e tende a generalizzare. Le tempeste che portano fuori rotta, che fuorviano l’attenzione sono le idealizzazioni, politiche o religiose o determinate da un misto di interessi che sono distanti anni luce dai doveri e dagli obiettivi della informazione. Ho avuto modo di confrontarmi con diverse persone sul tema spinoso di Sakineh, la gente, ora piu’ che mai pensa: “Con quelle persone non si puo’ dialogare, sono animali”. L’indignazione e’ parte dell’ essere umano, ma la generalizzazione porta solo distruzione. Per usare uno slogan si potrebbe riassumere : "Per colpa di qualcuno non si fa piu’ credito a nessuno". Non e’ cosi’. Se non si ha avuto modo di viaggiare, o semplicemente si ha una mente chiusa cosicche la mancanza della dovuta distinzione ’ porta verso il pregiudizio " nero", il solo che dovrebbe far paura.


Se si chiede, come ho fatto io, alle stesse persone cosa pensano della civile America, a nessuno e’ venuto in mente che li si potesse consumare una vicenda del genere. Nessuno ha sentito parlare di Teresa Lewis. Chi e’? Perche’ me ne dovrei occupare? Nessuno sa, tutti tacciono. Quarant'anni, accusata di essere la mandante del duplice omicidio di marito e figliastro, Teresa Lewis potrebbe essere la prima donna giustiziata nello Stato americano della Virginia dopo quasi un secolo. Nonostante vari specialisti l'abbiano ritenuta «incapace di eseguire da sola le attività più semplici, come ad esempio scrivere una lista per la spesa» dato un quoziente intellettivo bassissimo, e la diagnosi di una incapacita’ mentale conclamata, Teresa verra’ condannata alla pena capitale, mentre i due sicari, presumibilmente pagati dalla donna, sono stai condannati all’ergastolo.


Mi chiedo ora: perche’ per l’Iraniana Sakineh, il mondo si e’ indignato e per Teresa ci sono state solo flebili voci fuori campo?


Il giornalismo e’ investigazione. Andare controcorrente, magari ammaccando l’american dream, individuare ed illuminare la realta’ con temi e protagonisti anche scomodi, emarginati dai grandi circuiti nazionali ed internaionali delle fonti di informazione, e' non solo mestiere ma dovere civile.

Ecco i due volti della stessa medaglia:






English Version


Knowledge and memory are the two fundamentals journalism's characteristic. Every new that arouse
feelings, make people thinking and opening eyes towards unknown reality is an element of history.
Whether you agree or not, whoever catches public attention, in all job field: from professional journalist till greengrocer, is a main player of our history.

Everyone knows about Sakien Mohammadi Ashtiani. Her story has upset the world. A “little” woman involved in a great injustice. Her name's showed on the most popular magazines and journals front page, her face is broadcasting on the most important tv bulletins around the world. Everybody knows. EVERYBODY. This kind of new cannot be silenced. Personaly, I hate who chooses a certain topic and spread a new generalizing a single situation. Storms that bring audience out of the right rout, provoking misguide of attention, are political or religious idealization or a mix of business affairs which are far away from duty and objectivity of a correct information. I had the chance to confront myself with others regarding the Iranian woman. Now more than yesterday, the general idea is: “You cannot speak whit them (Iranian) because they are animal". Indignation is a common feelings of human being, BUT once again generalization bring only destruction. Using a slogan, we can summarize this concept as: “Because someone doesn’t pay, we cannot accept promise of payment from anybody". I refuse to think like this. If your mind is close and you haven't had a chance to explore other cultures you are going to make "black" prejudice, the only thing that should scare you.

If you ask, as I do, at the same people who said that Iranian are animal, about what they think about America, nobody replay that in the USA can happen what is happening to Sakien. NOBODY has known Teresa Lewis' story. Who she is? Why I need to remember her name?. NOBODY KNOWS. NOBODY SPEAKS. Teresa Lewis, 40 years old, has been accused to be the person who ordered the double homicide of her husband and stepson. After one century, Teresa could be the first woman executed in Virginia ( USA state). Despite experts has reported she is "incapable to perform simplest activities by herself , as, for instance, write a list of everyday’s shopping ". They say she got a very low intellectual QI and an acclaimed mental incapability. Teresa has been sentenced to death penality, while the two murders, presumably paid by the woman, were condemned to life sentence.

I just wondering now: why the world is "fighting" for Sakien and only a few online magazine told Teresa's story?
Journalism is investigation. Be a journalist means tell every news even if the American dream can be "kick out". Picking up and and highlighting all realities with ALL “characters”, is not only journalism but, above all a civic duty.

At the top of the English Version you can find the Two Face of the same Coin

left Sakien right Teresa Lewis


giovedì 2 settembre 2010

Roma's calling

Il tempo sembra essersi fermato ad una estate afosa del 2006. Una valigia con pochi vestiti, la testa piena di dubbi ed incertezze e l'adrenalina che caratterizza ogni partenza inaspettata. Quattro anni fa ho lasciato Roma, un lungo sguardo nostalgico alla città eterna e il desiderio ardente di conquistare Londra. La strada percorsa è stata lunga, è stato un cammino che mi ha cambiato dentro ma è bastato rivedere la mia città per riscoprire le mie radici e vedere il mio presente in una prospettiva differente. Dopo inverni interminabili, guardo il cielo senza nuvole e godo del calore dei raggi di un sole tiepido nel mio nuovo ufficio. Roma mi ha chiamato e da figlia non ho saputo dire no. La capitale sa come avvolgerti ed adularti, è come una donna che perfettamente cosciente della sua bellezza sa come usare le sue armi. Londra non si può dimenticare. Mai. Non è più una sfida, è parte di me. E' stata il mio passato, forse sarà il mio futuro, ma questo non è dato saperlo. Oggi, ora, qui c'è Roma, tutto il resto adesso può aspettare.

Aforismi su Roma


A Londra, tranne il Papa, c'è tutto. A Roma, tranne tutto, c'è il Papa.
Pino Caruso, Ho dei pensieri che non condivido, 2009


Forse uno dei guai dell'Italia è proprio questo, di avere per capitale una città sproporzionata, per nome e per storia, alla modestia di un Popolo che quando grida "forza Roma!" allude solo ad una squadra di calcio.
Indro Montanelli, Storia di Roma, 1957


A Roma confluiscono tutti i peccati e tutti i vizi per esservi glorificati.
Publio Cornelio Tacito, Storie, ca. 100
Foto : Roberto Raschellà - Il vicolo Paoletto
Model: Clelia
English Version
Everything happened 4 years ago. It was a very hot summer. In my hands I had a big suitcase stuffed of dresses and my mind was full of doubts and uncertainties which are typical of every unexpected travel . It was long time ago I took a long nostalgic look to "the eternal city" and I felt a strong desire to "conque" London. I walked miles and miles, it was an experience that change me a lot, but as soon as I saw my city I regained my roots and I observed my present under a different light. After endless winters, now I see the sky is no more cloudy and I feel the warm sun coming from the windows of my new office. Roma was calling me, and as its daugter I couldn't say no. The Italian capital knows how to attract and adulate everyone. It is like a beautiful and charming woman perfecly aweare of its strength's points and it knows how to use them. I can not forget London. Ever and ever. It is no more a challenge but it is a part of me. It was my past and maybe it should be my future. But, Today, now, in this moment there is Rome. Everything can wait now.
Most famous quote about Rome
London got evrything but Pope. Rome has got nothing else but Pope.
Author: Pino Caruso from his book: "I read thoughts and I can not agree with them"
The main Italian trouble is to get a capital with too much reputation and history hereditage for the poor knowledge of teh Italian. Most of them, saying " Go Rome" meant Rome football team.
Author Indrom Montanelli from his book : " Italian History"
In Rome every sins are toghter and they become signs of glory.
Author Publio Cornelio Tacito
Photo by: Roberto Raschellà for Il Vicolo Paoletto
Model Clelia

venerdì 27 agosto 2010

Come finisco davvero le favole - How Fairy Tales Really End

Un post un po insolito fatto solo di immagini. Spero apprezziate.

A post made by only images. I hope you appreciate.


Cinderella - Cenerentola



Belle ( Beauty and the Beast)



Jasmine (from Aladin)




The Sleeping Beauty



Little Red Riding Hood



White Snow

Ariel ( the Mairmaid - la Sirenetta)




Grazie alla mia amica Fabiana per avermi inviato queste foto divertenti.
Thanks to my friend Fabiana who sent me this funny pictures


Non dimentichiamo gli altri personaggi delle favole, da destra verso sinistra troviamo: Anastasia, la matrigna di Cenerentola, e Genoeffa. Di seguito troviamo' la Fata Turchina, e l'ultima da sinistra e' la perfida Grimilde, matrigna di Biancaneve.

Let's not forget the others fairy tales characters : from right to left you can spot: Anastasia, Cinderella's step mother, and Drizella. The last two are: the fairy good mother and the cruel Grimilde, White Snow's cruel step mother.



Vi ricordate dell'eroico cacciatore che libera la nonna e Cappuccetto Rosso? La favola gli ha rovinato la carriera e ora vende aquiloni sulla spiaggia

Do you remember the brave hunter who at the end saves Little Red Riding Hood and her grandmother? Well the fairy tale ruined his career and now he sells kites in the seasides.


E il Lupo? il lupo cattivo che fine ha fatto? Fonti attendibili mi dicono che e' da tempo la controfigura di Wile il coyote.

And the bad wolf? What happens to him? According to my sources he got a job as Wile El Coyote's stuntman.




PS. Tra poche ore saro' a Roma. La prossima volta che aprirete il mio blog, si chiamera' semplicemente Overlook.



P.S. In a few hours I 'll be in Rome. Next time you'll visit me, you'll notice that my blog will be only Overlook

Clelia from London... still in London

martedì 10 agosto 2010

Il vento e' cambiato - The Wind of change

“Non posso cambiare la direzione del vento, ma posso sempre modificare le mie vele per raggiungere la mia destinazione.” Jimmy Dean

Cosi' scrivevo il 13 settembre 2008. Mancavano poche settimane al mio ritorno a Londra. Mi aspettava un anno difficile : il mio Master in Giornalismo Internazionale. Da allora sono passati quasi due anni e il vento e' cambiato ancora, lo sento: sta muovendo verso sud, verso Roma. E' li che saro' tra una manciata di giorni. Ritornero' nella citta' eterna, la citta' che ha accolto la mia nascita, ha osservato il mio passato ed ora e' pronta a scrivere un'altro capitolo della mia vita. Alcune decisioni vanno prese su basi circostanziali, e le contingenze della vita hanno fatto in modo che tutto cio' che ho costruito a Londra dara' i suoi frutti a Roma. Sara' come ritornare al mio passato in una veste nuova, affrontare i venti avversi con l'esperienza di un marinaio esperto e vedere ogni cosa illuminata da una luce diversa. Le strade bagnate di pioggia, il cielo plumbeo e l'impetuosita' del Tamigi resteranno immagini che portero' per sempre con me. Londra e' stata per me madre e matrigna, mi ha accolto e messo all'angolo, ma in lei ho visto nascere le speranze e concretizzare i miei sogni. C'e' un tempo per restare e un tempo per riempire la valigia di vestiti e la mente di ricordi. Nessuno meglio di me sa quanto sia importante cambiare vita per un po', i pensieri e le esperienze devono essere nutriti con nuova linfa vitale altrimenti si atrofizzano e muoiono.

English Version



















"I cannot change the wind's direction but I can always modify my sails to reach my detsination" Jimmy Dean

This was the sentence I wrote on 13th September 2008, when I was waiting to come back in London to pursue my master in International Journalism. Two long years have passed and the wind has changed again. I can feel it, the wind now is directed toward south, toward Rome. I 'll be there in a few days. I am going to be back in the city I was born in. It observed my past and now it is ready to "write another chapter of my life". Some decisions need to be taken according to circumstances, and this time my life gave my the signs to be ready to use all the knowledge I have acquired in London and put them back in practice in Rome. It will be like returning to my past being a completely new person. I will go through storms with the wisdom of an expert sailor and will see every thing coloured in a new light. London and its wet streets, grey sky and the river Thames are going to stay in my memories for ever. London was for me both a mother and a step mother, sometimes it hugged me and other times put me in the corner, but I will never forget that in this city I have dreamed and I achieved my targets. There is a time for staying and a time to put all your stuff in your luggage but keeping in mind all things London gave to you. No one better than me knows that changing a life style for a while is good. Feelings and thoughts must be fed with a brand new "vital lymph", otherwise, sooner or later they are going to die.

domenica 8 agosto 2010

Il lavoro nuoce alla salute - Italian laziness

Ecco a voi ladies and Gents i sette precetti del lavoratore medio italiano:

Primo: Si nasce stanchi e si vive per riposare.
Secondo: Il lavoro e' fatica, nessuno puo' affermare il contrario.
Terzo: Se vedi un uomo che sta riposando aiutalo.
Quarto: A memoria d'uomo si deve dire che : di troppo riposo non e' morto mai nessuno.
Quinto: Con il lavoro si suda. Il sudore bagna, il vento si alza e tu ti becchi la polmonite.
Sesto: Non fare mai oggi quello che qualcun altro puo' fare per te domani.
Settimo: Se hai voglia di lavorare, non ti allarmare: siediti vedrai che ti passa.


Da uno spettacolo del grande Walter Chiari

English version

Ladies and Gents, below you'll find the 7 rules of Italian avarge workers:

First: We were born tired and we live to get rest.
Second: Work means efforts, troubles and difficulties. Nobody can deny it.
Third: If you see someone who gets some rest, do the same.
Fourth: It has never been reported that someone is dead because relax.
Fifth: If you work hard you are going to sweat, so breeze hit you. Consequentially you got pneumonia.
Sixth: Do not do today something that someone else can do for you tomorrow.
Seventh: If you want to work, do not worry. Seat in a comfortable chair and you'll see that your desire will disappear.

ps. In the fifth point I wrote swear instead sweat... It was a mistake that I corrected thanks to Fabio R, one of my readers. But sometimes if you work hard you can swear too... at least Italian average worker is able to do both. Moreover, they say: " You see, I can sweat and swear while I am working so it's a matter of fact I am multitask"

From a Walter Chiari's show

ps. In the pic above, you can spot Mr Silvio Berlusconi, Italian Prime Minister while is doing his job!