sabato 17 dicembre 2011

Just for fun

Alcune foto prese dal sito facebook: 999,999,999 people's photo.


Dire sto per arrivare quando non si e' ancora usciti di casa : )


Tieni il mento alto. Nessuno si aspetta che tu salvi il mondo, altrimenti saresti nato indossando un mantello e le calze. FAI SOLO DEL TUO MEGLIO!





Legge del Karma: Mai giocare con le persone vicine a te, tu potresti non sapere che loro giocano meglio di te !




domenica 11 dicembre 2011

Se Non ora quando? Foto - If not now when would it be?

Ieri alla manifestazione io c'ero!. Tante donne invece hanno diseratato, e forse sarebbe stato il caso di esserci tutte e bissare il successo di febbraio.
Vi presento le mie foto, ovviamente quelle che non ho venduto. Enjoy.
ps. Stay tune perche' tra poco esce il mio nuovo articolo!

This is my pics of the event If not now when? A women's parade and show made up to underline that Italian women are 'alive' and they still fight for their rights: a better welfare and equal opportunity. Enjoy.
ps. Stay tune cos my new article is due!

Slogan dalla piazza - Slogan from Piazza del Popolo (Rome), the square in which there was the 'pink wave" :

Women's Discrimination will end up only when a stupid woman will get the same work position of a stupid man! by Elena Gentili



5O AND 50 NOT ONE LESS




Sul Palco - On the stage:








Grazie a Cristina Comencini e Lunetta Savino che sono state gentilissime e disponibilissime per l'intervista ! Come promesso ecco le foto : )

Thanks to Cristina Comencini, an italian director, and Lunetta Savino, an italian actress. They were lovely and nice to me when I asked them for an interview! : )





sabato 10 dicembre 2011

Essere una giornalista - Being a journalist


“Non esiste delitto, inganno, trucco, imbroglio e vizio che non vivano della loro segretezza. Portate alla luce del giorno questi segreti, descriveteli, rendeteli ridicoli agli occhi di tutti e prima o poi la pubblica opinione li getterà via. La sola divulgazione di per sé non è forse sufficiente, ma è l’unico mezzo senza il quale falliscono tutti gli altri” Joseph Pulizer.

E' stato questo motto che mi ha inspirato a intraprendere il lavoro di giornalista. Non avrei mai creduto che la mia semplice curiosita' avrebbe destato polveroni e riacceso discussioni. Sta di fatto che le mie domande fanno storcere il naso a qualcuno. Calpestare il potere e descriverne i meandri bui non e' un lavoro che ti fa amare, non da tutti per lo meno. Ma va bene cosi'. Non e' facile essere me. Non lo e' stato da quando ho deciso di essere giornalista. C'e' chi mi ammira, chi mi disprezza perche' rivelo cio' che si vorrebbe tenere nell'ultimo angolo di un cassetto remoto. Una cosa e' certa quando scrivo nessuno mi smentisce e chi mi legge non rimane impassibile alle mie parole. E di cio' io sono felice. E questo e' tutto cio' che ho da dire su questa storia.

English Version

"There is not a crime, there is not a dodge, there is not a trick, there is not a swindle, there is not a vice which does not live by secrecy. Get these things out in the open, decribe them, attack them, ridicule them in the press, and sooner or later public opinion will sweep them away. Publicity may not be the only thing that is needed, but it is the one thing without all the other agencies will fail." Joseph PulitzerIt

It was this quote that inspired me to be a journalist. I never though that my curiosity could lead to strong debates. It is a matter of fact that my questions are not very welcome to some people. Describing power and its dark corners it is not a job that make anyone loved by all people. But it is ok for me. It's not easy to be me. It wasn't easy since I decided to be a journalist. One thing is true: when I write my articles nobody deny what I have written. Also No One can be not affected by my words. I am happy with this situation.
And this is what I have to say about this story.


mercoledì 23 novembre 2011

Generazione di Fenomene! Stupid Girls!


Domande Vere, fatte da ragazzine a Top Girl e Cioe'.... Risponde Clelia

Si può restare incinta strusciandosi senza mutande? (Kikka 13 anni a Top Girl)
R. Certo ma solo se il tuo ragazzo si chiama Black and Decker

Si puo' rimanere incinta senza che sia avvenuta la penetrazione? (Katy a Cioe')
R. E' raro ma e' successo, chiedi ad una certa Maria di Nazareth

Ho provato a mettere un assorbente interno, ma non sono riuscita a farlo entrare: e' perche' sono vergine o perche' non sono normale? ( Tytty a Top Girl)
R. La seconda che hai detto.

Sono Michela, ho 14 anni. Tempo fa ho fatto una cosa che non mi perdonero' mai: ho masturbato il mio ex ragazzo. Sto malissimo. Mi sembra di aver commesso qualcosa di imperdonabile e ho vergogna di dirlo. Vorrei poter ritornare indietro per evitare questo sbaglio. Ogni giorno chiedo perdono a Dio. Ho vergogna di confessarmi al sacerdote. Cosa mi consigliate? ( Disperata 84 a Top Girl)
R. Ma chi era il tuo ragazzo il demonio? E' proprio vero il maligno si annida dove meno te lo aspetti!
R N.2: Cara Disperata84 se i sensi di colpa non diminuiscono rinchiuditi in un convento di clausura...
c'e' tanta crisi di vocazione oggi giorno. Frustati ogni volta che ripensi al tuo peccato. Se ti frusta qualcun altro e la cosa ti piace allora non vale eheheheheh!

Ho 16 anni. Non ho amiche. Non ho un buon rapporto con mio padre e sento che moriro' entro questo anno per un incidente. Provo ad immaginare un futuro, ma poi mi dico: ho troppi sogni come li aveva mio cugino che e' morto! Studio al liceo linguistico, non so perche' visto che non ne ho voglia. Ho paura di avere una vita monotona, sono brutta grassa e ho i brufoli. ( Francy a Top Girl)
R: Prendi una doppia confezione di Prozac e spalma tre quintali di Dermaden Plus (ultra). Se non ti fa effetto apri la finestra e buttatici. L'anno non e' ancora finito e tu potrai dire di aver sfidato il destino!

Se un ragazzo dice che ti ama e ha gia' la ragazza, e' sincero o ti prende in giro? (Dubbiosa 12 anni a Cioe')
R. No vuol dire che lui e' furbo e tu idiota

Come ci si bacia appassionatamente, cioe' come fanno gli adulti(InnamorataInesperta 84)
R. Chiedilo al tenente Mulder e l'agente Scully di X Files.

Cara dottoressa, sono una ragazza di 13 anni e ultimamente sono un po' preoccupata a causa di un sogno ricorrente. Nel sogno faccio la cameriera in un bar per soli uomini e sono vestita solo con un grembiulino. Un signore ordina un caffe' e quando glielo porto mi dice: "Signorina e' sporco", ed io per pulirlo lo infilo ... li, e lui mi dice: " Grazie signorina adesso si che e' pulito" . Dottoressa, che significa, mi devo preoccupare? (Karolotta85 a cioe')
R. No , ma smetti di vedere i filmini porno la sera.

E poi dicono che le ragazzine di oggi sono sveglie???? Bah. Io ho giocato con le Barby fino a 14 anni e queste seghe mentali non me le facevo!

English Version

Real Questions posed by Italian teenagers to Italian magazines. The cinic and I hope funny answers are made by me : )
Enjoy...




A N.2:Dear DisperateGirl84 if you feel so bad and your fell of guilty increase close yourself in a cloister and become a nun. Every time you think about your sin you need to lash yourself. If someone else lash you and you like it I have to tell you that this is not the right punishment! eheheheh





venerdì 11 novembre 2011

Quando Tacere dovrebbe essere obbligatorio qualcuno parla!


Qualche anno fa incontrai un grande giornalista che mi fece due semplici domande: 1) Sei stata mai copiata? 2) I tuoi articoli hanno mai scatenato polemiche?. All'epoca io risposi no ad entrambe, e lui mi disse: 'allora di strada da fare ancora ne hai tanta'.

Oggi trovo i miei articoli ovunque. Molti giornalisti stranieri hanno riportato le mie notizie citandomi ed altri hanno sviluppato le tematiche da me proposte modificandole ben poco.

Tra le lusinghe ed i commenti e le critiche costruttive ho trovato anche qualche saccente che pur non sapendo vuole parlare.

Riguardo il mio ultimo articolo per il magazine americano Womenenews, che si occupa di diritti delle donne, ho trovato su un blog un post che mi riguardava. Accetto sempre le critiche ma la diffamazione e la noncuranza no. Il contradditorio e' un obbligo per me e ridicolizzare gli incompetenti e' la mia vocazione...
Come canatava Guccini in Cirano:

"Facciamola finita, venite tutti avanti nuovi protagonisti, politici rampanti; venite portaborse, ruffiani e mezze calze, feroci conduttori di trasmissioni false
che avete spesso fatti del qualunquismo un arte ;"
"spiacere è il mio piacere, io amo essere odiato ; coi furbi e i prepotenti da sempre mi balocco e al fin della licenza io non perdono e tocco."
Scusate il lungo preambolo ma e' necessario capire perche' torno a scrivere, e Guccini penso abbia reassunto a pieno.
Arriviamo ora ai furbetti poco intelligenti che credevano di 'farla franca'.

Leggete cosa scrive la Signora Maria D.R. sul blog di un 'certo' D. B. (Non li cito perche' non vorrei fare pubblicita' a chi accede il pc e 'scrive parole in liberata' senza collegare il cervello)

Cara (e care editrici e lettrici ecc. di We News),

Primo errore cara signora. Io scrivo per Womenenews WE vuol dire week end fine settimana. ma sbaglia anche il titolo????

sono una donna italiana e il mio inglese non è poi così buono, per cui portate pazienza.

e No cara signora Maria, non e' questione di pazienza. Rispetto la sua onesta' intellettuale ma, se Lei non sa leggere l'inglese ad un livello eccellente non puo' neanche commentare il mio articolo scritto in una lingua che non sa bene! E' una logica facile ed intuibile anche dai bambini! ma Lei non l'ha capito e prosegue con la sua disanima

Ho letto e riletto “Italy’s Sex Scandals Jar View of Women’s Success” ( il mio articolo cliccate e lo leggerete per intero) e ancora non riesco a credere che lei (si riferisce a me) sia “una giornalista italiana con base a Roma”.

Vada a controllare Signora Maria e restara' stupita! Ma lei impavida continua la sua collezione di gaffe. Signora cara, avra' pure riletto ma non ci ha capito molto e le sue confusioni sono gravi. Le spiego: nel mio articolo io intervisto Beatrice Lorenzin, nota parlamentare del PDL che riguardo all'intervista fatta alla escort Terry De Nicolo', nota frequentatrice dei Berlusca's Party, ha risposto alle accuse rivolte al suo partito da parte dei colleghi dell'Italia dei Valori dicendo che il movimento per i diritti delle donne ha sofferto di un capovolgimento storico. La Lorenzin, (SHE) ha poi aggiunto che il suo partito ha scoraggiato le donne ad usare la propria sessualita' per ottenere potere economico. Lei ( SHE), ossia la Lorenzin, ha poi argomentato che nei 20 anni di dominio della sinistra ( Questo lo ha detto LEI non io, ed ho la registrazione che lo prova) i partiti di opposizione hanno creato una atmosfera scoraggiante. Allora , LEI, sempre la solita PIDIELLINA DOC, sostiene che le donne non vedendo altra alternativa per avanzare sono state costrette a usare le loro conoscenze e la loro sessualita'.

Ecco il mio scritto in Inglese:

Beatrice Lorenzin is the member of parliament responsible for equal opportunity for Berlusconi's PDL. In a recent phone interview, she said the women's rights movement has suffered a historic reversal.

"Sexual freedom has changed," she said. "In 1968 it represented freedom of choice. But today's women turn their body into a power tool."

She deflected any ideas that her party leader has encouraged women to use their sexuality to gain financial power. She argued that during the 20 years that leftists dominated the country's politics they created a discouraging atmosphere. Now, she said, they don't see any other way to move ahead aside from exploiting personal connections and their own sexuality.

Tutto chiaro? Questo si capiva no? anche chi parla poco l'inglese sa che SHE e' terza persona, e quindi la Lorenzin!

Ma la cara Sora Maria non sa cosa vuol dire she, ed attribuisce a me le parole di un altra persona! Questa e' diffamazione allo stato puro e ne rispondera'!
Perché se lei, ( Nota la gentile ma poco competente in inglese signora si riferisce a Me!!!) ,lo fosse e avesse vissuto in Italia negli ultimi
vent’anni saprebbe molto bene che non c’è stata alcuna cosa del tipo “i vent’anni in cui la sinistra ha dominato la politica italiana”. Senza un commento che spieghi che ciò non è vero (in tutta la nostra storia abbiamo avuto governi di breve durata con dentro la sinistra) una lettrice senza ulteriori informazioni potrebbe ragionevolmente pensare che l’Italia è stata un Paese comunista dal 1981 a oggi, quando il signor Berlusconi è apparso per salvarla da “un’atmosfera scoraggiante”.

Ma proseguiamo con la disquisizione poco attenta della signora M. D.R :

E il partito Italia dei Valori che lei ( si riferisce sempre a me ovvio) menziona e di cui riporta le dichiarazioni è certamente un partito d’opposizione ma non uno de “l’opposizione di sinistra”. L’IDV a volte appoggia gruppi e azioni della sinistra, e a volte no. Tutti qui, e credo anche lei, sanno che il leader di IDV è un ex pm datosi successivamente alla politica: potremmo descriverlo come “centrista”, ma come “di sinistra” proprio no.

Ho letto bene? L'Italia Dei Valori non e' di Sinistra. La signora, sostiene che sia centrista.... Se a Di Pietro lo associa a Casini allora vuol dire che la cara Signora non legge neanche un giornale o vive su un eremo colle? Bah!. La Signora Maria, sicuramente non sa l'inglese e non ha visto neanche l'intervista schok della escort De Nicolo', vero tema del mio articolo, finita su tutti i giornali e telegiornali Italiani! Ma signora Maria scenda sulla terra please!

La poco attenta commentatrice ha poi fatto delle rimostranze sulle dichiarazioni della escort. La D.R. non ha notato che vendere la bellezza come una merce qualunque e' stata una frase detta dalla De Nicolo' .... Non da me! Questo si evinceva all'inizio dell'articolo. Lo riporto e lo traduco per voi, e per la signora scarsa in inglese:

ROME (WOMENSENEWS)--When Terry De Nicolo, a 38-year-old escort and regular visitor of Italy's Prime Minister Silvio Berlusconi, was interviewed by a public television program last June she defended a woman's right to see her body as a marketable asset.

"Beauty is an economic value and must be sold like any other skill. If you are a beautiful woman you must be able to sell your body in order to achieve your goal. If you are ugly you need to stay at home and live a mean life with only 2,000 euro (around 2,700 U.S. dollars) a month," she said.

Traduco: Terry De Nicolo', 38 anni escort e visitatrice regolare del Presidente del Consiglio Italiano Silvio Berlusconi, e' stata intervistata dalla televisione pubblica Italiana ( Ultima Parola Rai 2) lo scorso giugno. ( In quella occasione) lei ,(SHE) ha sostenuto che e' un diritto della donna vendere il suo corpo.

' La Bellezza e' un valore economico e deve esser venduto come qualsiasi altra competenza. Se sei brutta te ne devi stare a casa e vivere una vita misera con soli 2000 euro al mese"

Questo ha dichiarato la signorina De Nicolo' non io! alla fine c'e' scritto she said... SHE LEI HA DETTO.

La 'cara' signora conclude con altri commenti del tutto opinabili ... e finisce cosi'...

Con i migliori saluti, Maria Di Rienzo

Risposta: Signora Maria, Le voglio dare un consiglio vada a studiare l'inglese, compri almeno un giornale , cosi' si rende conto che Di pietro non e' di Destra, ed eviti di scrivere di cio' di cui non sa, peraltro per sua stessa ammissione.

Le faccio notare che l'articolo 21 della costituzione mi da liberata' di opinione e quindi Lei mia cara Maria deve ascoltare le mie critiche.... Io non le attribuisco nulla che lei non ha detto ma esprimo una opinione!

Attenzione Ragazze e Ragazzi quando commentate fate si che i vostri commenti siano atteninenti e pertinenti altrimenti vi trovate nei guai!

Clelia

English Version

In my italian version I had to replay to one of mine readers who dosn't know English and she commented what I wrote. For my English readers just click here and you can read my article.

sabato 5 novembre 2011

La Rinascita - Rebirth

Non dimentico, anzi non voglio dimenticare tutti quegli stralci del passato. Anche quelli più remoti che sembrano non appartenermi più devono sopravvivere all'usura del presente e alla proiezione del futuro. Per comprendere quale sia la strada che dovrò affrontare, chiudo gli occhi e perlustro con cura il mio passato, esploro e contemplo la fossa delle marianne, mi soffermo sulle vittorie e ringrazio il fato di avermi fatto cadere e sbagliare tante volte. Senza quegli sbagli sarei diversa e oggi non sarei così tanto felice di osservare con un sorriso compiaciuto tutte le cicatrici che hanno segnato la mia vita. Ho corso fino a perdere il fiato, non mi sono mai fermata perchè una cosa l'ho sempre avuta in mente: meglio correre che restare in compagnia di un io piuttosto noioso.

Sono pronta a cambiare di nuovo. Costruirò con cura le mie nuove ali ma non avrò mai il coraggio di gettare in balia del vento le vecchie piume che mi hanno permesso di volare quando ancora non avevo il senso dell'equilibrio e dell'orientamento.

Clelia

English version

I don't forget, I mean I don't really want to forget all my past's fragments. Even the most distant one, the one that it seems not to belong to me anymore it must survive to any wear and tear of my present and to future's maps. In order to understand which path I need to walk , I close my eyes and patrol carefully my past. I explore and contemplate the moat lingering on my victories and defeats. I so much thanks all my failures, I look at my scars with a pleased smile because without them today I would be another person. I always run, I never stopped it, even if I was out of breath. I did so because one thing it was always clear in my mind: it is better to run than to keep company to a boring me.

I am ready to change again. I'll set up my wings with care, but I will not be able to throw away my old feathers which allowed me to fly when I had not balance and sense of oriantation.

Clelia

martedì 27 settembre 2011

Vogue: il girovita da 33 cm diventa un Avant Garde -Vogue Italy's Cover Called Anorexic in Fashion

A guardare bene l’anteprima della copertina di Vogue Italia di settembre, la bellezza dell’abito, i pearcing vistosi sul naso e sotto le labbra ed il volto etereo di Stella Tennant, modella quarantenne di successo e madre di tre figli, scompaiono alla vista del girovita che misura solo trentatre centimetri. Ancora una volta Vogue Italia vuole stupire sottolineando un vitino troppo ‘a vespa’ che nasconde le forme femminili dietro l’ampiezza smisurata di un abito nero: il perfetto stereotipo delle donne affette dal male oscuro della anoressia. Fabiola De Clercq, fondatrice dell’ABA, associazione per lo studio e la ricerca sull'anoressia, la bulimia e i disordini alimentari, scrittrice del libro intitolato ‘Tutto il pane del mondo’ è considerata una esperta nel campo delle malattie dei disordini alimentari. Venti anni nel tunnel della anoressia l’hanno spinta a ribellarsi agli stereotipi della donna emaciata. Contattata telefonicamente riguardo alla copertina del celebre magazine, la De Clercq esprime il suo disappunto con parole di dura condanna per la scelta editoriale del popolarissimo fashion magazine. “E’ la deriva del fare notizia facendo scandalo ed esasperando la realtà. Considerando che questa è poi la settimana della moda, pur di pubblicare qualcosa di scioccante farebbero di tutto. Con questa copertina Vogue ha mortificato il corpo delle donne, come se non ci fosse mai fine alla sofferenza.”

Perché Vogue Italia ha voluto accentuare in modo così irreale il corpo di una modella che probabilmente è gia magro?

La magrezza corrisponde al potere delle donne sulle donne. Oggi le donne non cercano lo sguardo maschile ma sono in continua competizione con le altre donne. La magrezza esasperata è sinonimo di una donna che ha il pieno controllo su tutto. Una donna che è capace persino di rinunciare al bisogno vitale di mangiare. E’ una donna che viene percepita come vincente e completamente invulnerabile. Vogue ha percepito questo trend deviante e lo ha riproposto ancora una volta.

Come spiega questa competizione tra donne riguardo all’aspetto fisico?

Poco tempo fa all’aereoporto di Milano mi è capitato di vedere una scena assurda. C’era una donna con una bambina in braccio. Indossava scarpe altissime e stava correndo per prendere l’aereo. Probabilmente ci teneva a non perderlo, ma non ha pensato che togliendosi i tacchi avrebbe potuto correre più veloce. Il punto è che le donne hanno bisogno di apparire, addobbarsi come alberi di natale. Tutto per attirare lo sguardo delle altre. Il maschio è sullo sfondo, un ombra. Molte delle pazienti al centro ABA hanno iniziato a dimagrire fino a divenire anoressiche perché sono state lasciate dal ragazzo, e giudicavano le rivali più magre e quindi più attraente di loro. Anche la pubblicità della L’Oreal è stata pensata e creata per questo stereotipo. Perché io valgo, il sottomessaggio è ‘più di te’. La sfida tra donne è da tempo un trend antropologico. Un fenomeno entrato nel dna del comportamento femminile e la magrezza estrema è divenuta parte integrante del modello di donna che può conquistare tutto.

La De Clercq, conclude l'intervista con un attacco frontale alla rivista fashion made in Italy:' il buon senso è stato sostituito dalla tecnologia visiva: photoshop'.

Sull’argomento è intervenuto anche il Dottor Raffaele Ruocco, responsabile del programma Dipartimentale dei Disturbi dell’Alimentazione di Perugia. “Con questa copertina – sostiene il dottor Ruocco - si da una immagine distorta di una epoca gia segnata da una profonda insoddisfazione da parte delle donne”. Secondo l’esperto di disturbi alimentari la moda è sicuramente uno dei fattori a rischio e l’effetto dell’immagine rimodellata dalla tecnologia è percepibile dalle lettrici come reale. “Attraverso foto, come quella proposta da Vogue - conclude Raffaele Ruocco -, si tende a presentare un modello di riferimento irreale come concreto, vero tangibile. E proprio questa profonda distorsione della realtà il problema”.

Di certo l’uso esagerato di Photoshop, per ridurre il corpo gia esile delle modelle, non è una novità per Vogue (foto sotto). Gambe e braccia al limite del reale. Curve che scompaiono, braccia e gambe che si assottigliano fino a sfiorare l’orrore. Questa è la moda che il magazine patinato ha, a volte, presentato alle sue lettrici. Le foto delle ‘modelle zombie’ dovrebbero creare orrore, repulsione , eppure le vendite di Vogue Italia non hanno subito cali sostanziali. Ma il successo, quello vero, può nascere a volte da grandi contraddizioni: sul sito di Vogue Italia si può infatti trovare una petizione (http://www.vogue.it/magazine/petizione-contro-i-siti-pro-anoressia) dove si chiede alle lettrici di prendere parte ad una campagna che vuole l’abolizione dei siti pro anoressia.

Una singolare incoerenza alla quale risponde Carlo Ducci, capo redattore responsabile per Vogue Italia. Ducci spiega così le ragioni editoriali della testata: “La foto in copertina è stata ispirata ad Ethel Granger, la donna entrata nel Guinness dei primati per il giro vita di 33 centimetri. Il nostro è stato un gioco di rimando”. Parlando della copertina incriminata Ducci, che sostiene di non aver partecipato direttamente alla scelta della foto, continua la sua difesa dalle accuse affermando che: “Vogue Italia da sempre prende spunto dalla realtà. Se questa realtà viene presa in maniera sbagliata questo non ci spaventa”. La contraddizione però persiste, e Ducci chiarisce il suo punto: “La realtà che proponiamo di solito è ispirazionale. Vogue ha una sua logica creativa. Non può essere considerata come la Bibbia.” Certamente non è la Bibbia ma viene letto e influenza centinai di migliaia di donne. L’immagine in copertina oltre ad essere ritoccata è anche ispirata ad una donna vera: l’unica donna al mondo a poter avere un giro vita così irrealistico per una donna adulta. E’ proprio su questa logica che il capo redattore di Vogue punta la sua ‘difesa’: “Solo una persona al mondo è arrivata a raggiungere un tale record, quindi è impossibile da parte di chi legge poterla emulare. E’ quindi un modello aspirazionale impossibile”.

Posto che se una donna ci è riuscita potrebbero riuscire tante altre, il mito di Ethel Granger, del Guinness dei Primati e ora anche la prima pagina di Vogue potrebbe indurre donne fragili e insicure non solo ad ispirarsi ma anche copiare il modello deviante e scivolare poi verso il baratro dei disturbi alimentari.

Il titolo di copertina sembrerebbe poi confermare la mia idea: “Avant Garde”. Un gioco di parole certo, ma Avant Garde, è una parola francese che significa avanguardia, ossia innovazione e quindi rivoluzione, un qualcosa che al contrario della spiegazione di Ducci potrebbe produrre comportamenti emulativi soprattutto per chi ambisce a quel “modello di donna che può conquistare tutto” attraverso l’apparenza di un corpo ‘unico’, come è riportato dalle parole di Fabiola De Clercq.

Articolo riadattato da me in inglese e pubblicato per la rivista womenenews (New York, United States of America) Nessuno è profeta in patria : )

English Version

Article published by womenenews

this is the link in english

http://womensenews.org/story/cultural-trendspopular-culture/110925/vogue-italys-cover-called-anorexic-in-fashion

lunedì 19 settembre 2011

Girasoli

Il tempo è passato volando sulle cose e sulle persone. La mia assenza è stata dettata dai progetti che sono la base del mio futuro. Un domani che si tinge di un tramonto romano. La fine di un giorno che lascia il posto alle speranze di un'altra alba.
La strada arsa da un bollente sole capitolino si ristora di un temporale di fine estate. La terra del mio giardino emana quel profumo intenso che prelude al nuovo. Tanto ho fatto, tanto resta da fare e la mia corsa verso il mio sogno non si arresta. Non può fermarsi perchè se mancasse l'obiettivo di migliorare sarei in quella bolla di sapone chiamata conformismo e tutto si può dire di me tranne che io obbedisca ciecamente alla filosofia del destino segnato.

Guardo i miei girasoli, il loro giallo intenso mi avvolge mentre l'ultimo sole li accarezza e sembra voler dire loro che la loro bellezza non verrà spazzata via dall'inverno. Ogni cosa lascia un segno indelebile in chi la guarda e il ricordo del loro sguardo verso l'astro più importante resterà come memento di un attimo in cui senza chiudere gli occhi un essere vivente ha sfidato il sole.
Clelia è tornata : )

English Version is coming soon

domenica 13 febbraio 2011

Se Non ora quando? - If not now when would it be?

Roma 13 Settembre 2011- Piazza del Popolo Roma

Un coro di voci ampio, trasversale politicamente e piu' che mai unito nell'indignazione. Cio' che sta succedendo in Italia e' stata la goccia che traboccando dal vaso ha permeato nelle coscienze fino a diventare un mare di voci che riempiendo Piazza del Popolo urlano il loro sdegno con una sola parola: BASTA. Una rivoluzione che parte dal basso, dalle donne: giovani studentesse, precarie, donne lavoratrici che a parita' di qualifica prendono la meta' dei colleghi, donne che hanno fatto il 68 e hanno lottato per dare alla donna dignita' e pari opportunita' e oggi vedono che solo chi mercifica il proprio corpo ha un seggio in parlamento o da starlette nuda e muta in un programma demenziale in Tv. Questo chiedevano le "Papi girls" a Mister B: un posto da valletta o in parlamento, come se le due cose fossero equiparabili. Il merito se lo conquistavano a letto, nelle alcove dei sotterranei di Hardcore. Le donne si ribellano, perche' tra loro c'e' chi si e' presa una laurea e varie specializzazioni, lavorando, nel frattempo come cameriera e oggi, proprio perche' a certi compromessi non e' mai scesa, e' disoccupata. Il popolo riempie la piazza di odio verso chi non rispetta le donne e le tratta come merce di scambio per accontentare un uomo che a 70 anni vuole un harem di schiave pronte a soddisfare ogni sua perversione in cambio di potere e i soldi. Berlusconi sta esaurendo le sue armi, i suoi discorsi e le sue promesse sono svaniti nel nulla, tutti sanno chi e' e cosa c'e' sotto la maschera. La piazza non chiede solo le sue dimissioni, chiede la fine di un'epoca: il Berlusconismo, una macchinazione fatta di telenovelas che ha attecchito nel popolo e lo ha addormentato, una visione che anno dopo anno ha costruito un 'immagine delle donne denigratoria, che le rappresenta sempre piu' svestite e silenziose. Le donne Italiane sono altre, sono tutte coloro che ogni mattina si alzano lavorano, tornano a casa e lavorano ancora come casalinghe, sono le studentesse che vogliono migliorarsi, e le pensionate che si impegnano nel sociale. In Piazza del Popolo, oggi le donne hanno detto Basta, perche' c'e' un limite a tutto e quel limite e' stato passato gia' da molti anni. In Piazza del Popolo ci siamo tutte, perche' non importa quanto ci vorra', l'importante e' essersi svegliate da un lungo sonno che ci anestetizzava. Alle favole non ci crede piu' nessuno ma 1 milione di persone nelle piazza italiane (500 secondo la questura) e migliaia di persone nel mondo ( da Londra a Honolulu, da Jakarta a Washington) sono una realta' incontrovertibile che muove i primi passi verso la realizzazione di una uguaglianza di genere sognata da tante donne da tanto tempo.


English Version

Rome, 13th February 2011 Piazza del Popolo ( a famous square in the heart of Rome)

A choir of voices, transversal politically and more than ever united in a big indignation. What is happening in Italy was the classic drop that has made to overflow the vase and it permeates in the consciences until it became a sea of people that filled Piazza del Popolo screaming their scorn with only one word : STOP it. It was a revolution comes from the low ground: all kind of women: young, students, temporary employees, jobless, women that get less money compared to men colleagues, women who made the revolution of 1968 and fought for equal opportunity and today see that only who sell their body have "a chair" in the Italian parliament or a room as showgirl naked and mute in stupid tv programme. In fact, the so called "Papi Girls", asked to Mr B for either a job in the showbiz or a in the public government administration, as if the two option would be the same thing. Mister B used to interview these girls in the basement of Arcore, known now as Hard-core, where there were be orgies. Women rebel because among them there are lots who got a degree and several specialisation and are unemployed because they didn't accept a certain disgusting compromises. People filled the square with hate for who doesn't respect women and treat them as an exchange value for a 70 years men who wants a harem of slaves ready to accomplish every desires of the sultan and get power and money in return. Berlusconi is draining his resources, his speeches and promises are already vanished and everyone knows perfectly who he is under his mask. People don't want only his resignation but also the end of his philosophy: the Berlusconismo, a plot that made Italian brains sleep throughout stupid movie and tv programme in which women have almost the time only one role: showgirl wearing bikini and strictly in silence. He made up a distortion of woman body. Italian women are not like this, they wake up every morning and go to work, and then, when they finish they come back home and become housewife. Italian women are student and work hard to achieve their dreams. Italian women are retired and they still work as a volunteer in the charities. In Piazza del Popolo women and men said: STOP it! because for everything there is a limit and this limit has being overtaken long time ago. In Piazza del Popolo there are lots of people, and doesn't matter how long it takes to get a real equal opportunities, what is important is that we are completely wake up from an anaesthetized sleep. Nobody believes in fairy tales but 1 million of People in the Italian squares and in others foreign squares (from London to Honolulu - from Jakarta to Washington) is an incontrovertible evidence that moves the first step toward the fulfilment of a gender equality dream, dreamed long time ago.