giovedì 7 agosto 2008

I soliti Idioti - Idiots

Faccio fatica a mantenere gli equilibri diplomatici con gli idioti. Definisco idiota colui o colei che non rimette mai in discussione il proprio pensiero pensando che gli altri siano solo il contorno della vita e non parte integrante. Chi si spinge alla ricerca dell'assoluta perfezione, convincendosi che la raggiungerà senza rendersi conto che ciò che cerca è pura utopia. Chi si vanta di aver conquistato una laurea di seria A ma poi non riesce a compilare un modulo in banca o comprendere ciò che l'ordinario buon senso dà per scontato. Chi si nasconde dietro falsi moralismi e, come la più incapace casalinga, occulta ciò che è indesiderato sotto il tappeto convincendosi che prima o poi svanirà. Chi ignora gli eventi lasciandoli cadere nel vuoto delle banalità rimettendo alla divina provvidenza il destino. Chi parla di argomenti di cui ignora il contenuto spalmando bene la poca cultura che ha.

Una frase che mi piacerebbe ricordare loro è: "Meglio tacere e dare l'impressione di essere stupidi piuttosto che parlare e togliere ogni dubbio". Fino ad ora mi sono sempre astenuta dal pronunciarmi per un semplice motivo: gli idioti aprirebbero un infinito dibattito su come convincermi del contrario, e credetemi non c'è cosa peggiore che assistere ai loro sproloqui innegianti la loro intelligenza o creatività. Francamente ho cose più importanti da fare che soffermarmi ad ascoltare le loro disquisizioni e poi se è vero che di idioti è pieno il mondo è pur sempre corretto sostenere che di persone interessanti se ne trovano ancora in giro.




English Version

I always do effort to keep a diplomatic balance with idiots. I define foolish who never puts again her/his own thought in discussion, thinking that the other ones are to border and not a foundamental part of life. Who looks for absolute perfection convincing himself/herself to be able to reach it and not making himself/herself account that is pure utopia. Who boasts to got a hight level degree but on the other hands he/she don't know how to fill out a form in bank or to understand what common sense takes for granted. Who conceals behind false moralism and, as the most incapable housewife, hidden every unwanted thing under carpet convincing himself/herself that sooner or later it will fade away. Who ignores events showing them as banality and trusting only in the "divine provvidence". Who speaks of matters of which ignores basic contents "spreading very well own little education".

I would like to remember them a famous sentence: " It's better keeping silent and giving an impression to be stupid rather then speak and remove any doubts". Till now I have always stopped to pronuce it for a simple reason: idiots would open a long and boring debate in order to convince me to the opposite thesis, and belive me hearing their rambling speeches that celebrate their " intelligence" and "creativity" it is so bad. Frankly I have to make things more important than fell their disquisitions and then if it is true that word is full of idiots it is also correct to say that there are a lot of interesting people around my way.

17 commenti:

Sasco ha detto...

Ciao Clelia,
posso immaginare che in questi giorni qualcosa abbia preso la forma della classica goccia che ti ha fatto traboccare il vaso. Ma dici bene, ognuno di noi ha un limite oltre al quale non riesce a relazionarsi col prossimo. Io non mi vergogno a dire che di limiti ne ho anche due: da una parte quello che tu identifichi con l'idiozia degli altri, che per me è l'ignoranza e la presunzione insieme, e dall'altra la mia ignoranza. Quella che spesso non mi consente di avere una opinione su tutto, su cose che ho approfondito poco o, perché no, su cose che non mi interessano affatto. Sto zitto. Ascolto. Per lavoro mi relaziono con persone (clienti) il cui spessore a volte è talmente sottile che se le prendi dal lato sbagliato ti tagliano a fettine.
Certo, all'inizio abbozzi, poi, col tempo, scegli. E ti assicuro che è assolutamente strategico avere un portafoglio clienti con meno idioti possibile. Nella vita... idem.

me, just an Italian man ha detto...

mmmmm.. purtroppo a volte, lo dico per esperienza personale, capita di passare un periodo della propria vita dove siamo dei perfetti "idioti".. viviamo una vita piatta e senza emozioni credendo invece di vivere intensamente.. il bello è che non ce ne rendiamo conto veramente e non captiamo neanche i segnali che le persone che ci sono vicine ci inviano per farcelo capire.. eppure non eravamo così, non lo siamo sempre stati.. nel mio caso la presa di coscienza di questo stato è stata provocata da un tremendo shock sentimentale. Brusco e doloroso risveglio, grazie al quale però ho ricominciato una nuova vita. Mi è tornata la voglia di vedere, di capire, di conoscere.. ho voglia di parlare ed ascoltare, leggere e scrivere, osservare.. e tutto sembra più luminoso, e tutto questo mi dà un enorme piacere.. credo che spesso le persone che si comportano da idioti, sono persone che hanno bisogno di essere risvegliate.. molte probabilmente non si risveglieranno mai e molte semplicemente lo sono (idiote).. allora hai ragione te, dobbiamo osservare bene perchè in giro si trovano ancora molte persone interessanti (per fortuna!)

Ciao!

Clelia ha detto...

Rispote

@sasco: etimologicamente ignroranza proviene dal verbo ignorare, ogniuno di noi ignora qualcosa, non si può sapere tutto. Come tu ben sottolinei è un limite umano al quale NESSUNO può prescindere. Non si può avere un opinione su ciò che non si conosce. Rimanere in silenzio ed ascoltare è, secondo me la più alta espressione dell'intelligenza umana. C'è sempre da imparare dagli altri. Relazionarsi arricchisce la tua cultura e il tuo pensiero. Concordo pienamente sull'ultima frase! Well Done... Ottima.

@me.just an italian man:A tutti capita di sentirsi inadeguati. L'idiota non è chi sbaglia, tutti lo facciamo quotidianamente ma chi diabolicamente persevera nello stato di inadeguatezza. Secondo la mia esperienza, e come tu hai giustamente osservato, gli idioti non vogliono essere risvegliati, si credono convinti che la loro idiozia sia il miglior modo di vivere. Ma poi nella vita ci sono anche le persone intelligenti... fortunatamente non è una "razza" estinta... L'io pensante c'è... e "C'ho le prove", come diceva la battuta del il Ciclone (Leonardo Pieraccioni) :)

Grazie per i commenti Intelligenti, sono stati immensamente apprezzati.

Clelia

AndreA ha detto...

Vanno di moda i tuttologi...lasciamogli credere di esserlo :-))

Un bacio, a presto! ;-)

school for the girls ha detto...

Hi Clelia,
Thanks so much.... it is very true.
Actions speak louder than words.

Thanks
Rebecca

Franco Zaio ha detto...

Comunque, a ben cercare, con un po' di pazienza, persone non idiote in giro ce ne sono e parecchie. Il guaio è che questa società (almeno in Italia) premia e favorisce l'esistenza dei personaggi che hai descritto così bene. E sono la grande maggioranza degli italioti.
PERO' cerchiamo anche di non metterci su un piedistallo e di non soffrire di complessi di superiorità, chè poi facciamo la fine della sinistra italiana :-)
Ti linko, ciao

Sally Brown ha detto...

Cara Clelia, mia nonna mi ha sempre donato perle di saggezza sotto forma di proverbi: "La mamma dei cretini è sempre incinta".
Parole sante...
Io ora parto, ma prima ti metto tra i link amici così ti leggerò sempre!
Un bacio e a rileggerci
Sally

zefirina ha detto...

pensa mia madre aveva in ufficio un cartello con quella frase lì....

capisco bene la tua insofferenza, oltre che idioti i tipi da te descritti sono supponenti, divento razzista" anche io

la mia tattica è far finta di niente, assecondarli, apparentemente, come si fa con i matti, tanto sono dei sottocroticali e quindi è tempo sprecato cercare di far capire loro qualcosa

e io il mio tempo lo voglio usare per vivere

Clelia ha detto...

Risposte

@AndreA: D'accordo con te ignorarli e la cosa migliore!

@school for the girls: Thanks so much for your comment, very clever thought!

@Franco Zaio: Giusta la tua osservazione sulla meritocrazia, ma come ho scritto in risposta a me just an italian men "Rimanere in silenzio ed ascoltare è, secondo me la più alta espressione dell'intelligenza umana." Da questa rispota si evince che sul piedistallo non mi vedrei proprio posizionata. Odio tutti coloro che si sentono superiori, che usano la retorica plastica per affermarsi e non hanno nulla di pragmatico. Se leggi i mie post precedenti ti accorgi di quanto io sono cosciente che di strada ne ho da fare. Dagli altri si impara sempre... tranne che dagli idioti ovvio. Grazie per avermi linkato, tornerò spesso a leggerti.

@Zeferina: la frase è mitica, dovrebbe essere appesa in ogni uffico. Sono pienamete d'accordo con te tra pazzia ed idiozia passa poca differenza e allora convien liquidarli con un " si si hai ragione" tanto poi non capirebbero!
ancora buona vacanza zefi

Clelia

Scarlett ha detto...

Oddio, con l'esempio dei laureati senza senso pratico hai colto nel segno...quanti ne conosco, ahimè. Si vantano di un titolo di studio e poi non sanno pagare le bollette o chi è il Presidente del Consiglio (si, sono esempi tratti da persone realmente esistenti con cui, purtroppo, ho avuto a che fare). Bisogna portare pazienza, anche se a volte ci si trova talmente circondati che si comincia a pensare che forse siamo noi quelli "sbagliati"...;o)

Clelia ha detto...

Risposte

@ SallyBrown: Prima di tutto scusa se non ti ho incluso tra il range di risposte precedenti, fa ancora caldo! Come è vero quello che dice tua nonna!

@ Scarlett: Di gente così ne ho incontrata anche io. Non sapere chi è il presidente è grave ma sostenere che il presidente della Repubblica è Berlusconi è gravissimo. Per la cronaca la persona che lo sosteneva ne era convinta e si stava laureando in Ingegneria informatica...qualche microcip nel suo cervello doveva essere andato in fumo oppure è una idiota che si chiude in casa e non vede il tg ne legge un giornale... mai!

Grazie mille per i commenti

Clelia

scrittrice75 ha detto...

altro che se hai ragione clelia. pensa che io sono circondata da personaggi completamente idioti, dove lavoro. Non sto a raccontarti le assurdità che combinano, ma se le raccontassi, chiunque direbbe: questo è proprio un idiota.
ciao a presto
angela

M.Cristina ha detto...

La frase è una bomba! Io, sempre più spesso, penso che lascerò unicamente alla scrittura l'espressione del mio pensiero. Parlare, in un mondo di discorsi vuoti e menti asfittiche mi costa sempre di più: energia che desidero convogliare in altro. Nessuno è perfetto, ma a volte il silenzio è veramente un servizio che si deve all'umanità. E parlo anche a me stessa.
Un abbraccio

Cangaceiro ha detto...

Clelia, se c'è una cosa che non sopporto io sono quelle persone che parlano e già dopo 5 secondi capisci dove vogliono arrivare. Però loro parlano e parlano e ti consumano il tempo e la pazienza. E poi parlano come: so tutto io, faccio tutto io, dico tutto io.... ma va va...
Al mondo siamo 6 miliardi di persone e tutti ci riteniamo intelligenti. Esisterà però qualche stupido.. o no???

Clelia ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Clelia ha detto...

Il commento eliminato è il mio, il caldo mi ha fatto dimenticare come si scrive in ITALIANO

ANYWAY

Sono felice e rincuorata del fatto che gli idioti non ostacolano solo il mio cammino

Grazie a tutti per i commenti

Da oggi in VACANZA!!!

Federica ha detto...

mi trovi perfettamente concorde con la definizione di idiota.. e io da un po' di tempo ho deciso che voglio vivere tranquilla e quindi ho semplicemente deciso di non frequentare più queste persone o di farlo il meno possibile...
anche perchè quando me le trovo di mezzo non sono capaca a fregarmene: di solito non ci sto male ma mi fanno venire un nervoso che mi sa che tu puoii capire benissimo...